EDOGAWA RANPO – IL FASCINO ERO GURO NEL MISTERY GIAPPONESE

Presentazione del libro La poltrona umana e altri racconti, curato e tradotto da Francesco Vitucci, Ricercatore presso il Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Moderne LILEC – Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.

 

[dalla seconda di copertina]
La poltrona umana
è il titolo di uno dei sei celeberrimi racconti scritti nel 1925 da Edogawa Ranpo, padre del noir giapponese, e presenti in questo volume. L’autore introduce le tematiche classiche della sua scrittura tra cui quella del doppio, l’ossessione per il crimine e le perversioni sessuali, il voyeurismo, nonché l’attrazione verso gli specchi in uno stile squisitamente erotico-grottesco.

 

Presentazione:

Francesco Vitucci

 

Intervengono:

Alessandra Calanchi, Prof.ssa di Letteratura e Cultura Anglo-Americana presso l’Università Carlo Bo di Urbino

Giovanni Ballarin, Traduttore Freelance

 

Venerdì 15 febbraio 2019 alle ore 18:00 presso la libreria ubik Irnerio, in via Irnerio 27, Bologna.

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER TRADUTTORE AUDIOVISIVO E SOTTOTITOLATORE

 

Demetra Formazione, in collaborazione con Associazione Takamori e altri importanti partner di settore, organizza anche per quest’anno a Bologna il corso per traduttore audiovisivo e sottotitolatore professionale, con riferimento a due coppie linguistiche: inglese-italiano e giapponese-italiano.

Il corso della durata di 600 ore (378 di teoria – 222 di project work), cofinanziato con risorse del Fondo Sociale Europeo e della Regione Emilia-Romagna, è aperto a un numero massimo di 14 partecipanti ed è completamente gratuito.

Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è fissato al 20 gennaio 2019.

 

CONTENUTI DEL CORSO

Il percorso formativo è organizzato sui seguenti nuclei tematici:

    • Generi cinematografici e sottotitolatura
    • Traduzione audiovisiva
    • Sottotitolatura
    • Post-produzione audiovisiva
    • Accessibilità: sottotitolazione per i sordi e audiodescrizione
    • Il mercato della sottotitolatura
    • Esperienze di sottotitolatura

 

REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

1 – Persone residenti o domiciliate in Emilia-Romagna che hanno assolto l’obbligo d’istruzione e il diritto-dovere all’istruzione e formazione

2 – Persone con buone competenze linguistiche e che intendono innalzare e specializzare le conoscenze e le capacità inerenti l’uso dei linguaggi multimediali in lingua inglese e/o giapponese

3 – Sono richieste una conoscenza della lingua inglese e/o giapponese almeno di livello B1 e competenze informatiche di base

 

Per informazioni più dettagliate sulle procedure di iscrizione e selezione rimandiamo al link del bando ufficiale:
https://www.demetraformazione.it/corso/traduttore-audiovisivo-e-sottotitolatore/

 

INFORMAZIONI

DEMETRA FORMAZIONE: Settore  INDUSTRIE CULTURALI CREATIVE
Telefono: 051/0828946
Referenti: Federica Di Rienzo, Jessica Fabi
E-mail: icc@demetraformazione.it
Sito web: www.demetraformazione.it/icc

EDIZIONE SPECIALE: FAR EAST FILM FESTIVAL – THE BLOOD OF WOLVES

THE BLOOD OF WOLVES (2018)

孤狼の血

Di Shiraishi Kazuya

 

Shogo Ogami è un veterano e lupo solitario del dipartimento di polizia contro il crimine organizzato in una Hiroshima degli anni ’80 che pullula di Yakuza e dove non passa giorno senza che vengano perpetrati omicidi ed estorsioni. Cinico, corrotto, donnaiolo e senza scrupoli Ogami ha tuttavia un’ottima reputazione nel dipartimento perchè, nonostante i metodi poco ortodossi e le interazioni con i vari Boss, con lui i risultati arrivano. Una nuova ventata di aria fresca sembra arrivare dal dipartimento centrale quando il giovane e integerrimo Shuichi Hioka viene assegnato a Ogami come suo sottoposto, tuttavia Shuichi nasconde un segreto alla base del suo trasferimento. Un tassello dopo l’altro i due protagonisti arriveranno a scoprire i giochi di potere che governano la città e i sacrifici necessari per tenere al sicuro gli innocenti.

La classica storia “Good cop/ Bad cop”  con un altalenante rapporto di odio e rispetto fra i due protagonisti funge da motore principale della storia che come ogni Yakuza movie che si rispetti non manca di dettagli cruenti e frasi memorabili. I metodi poco ortodossi di Ogami rivelano un personaggio molto più complesso di quello che le apparenze darebbero a vedere e proprio grazie a lui la trama nella seconda parte del film decolla con lo svolgersi di eventi che vanno ben oltre il semplice crimine di quartiere. Il giovane e inesperto Hioka dovrà farsi largo in una società che respira corruzione e dove i suoi solidi principi morali saranno messi a dura prova così come l’opinione che ha del suo collega/mentore Ogami.

Una storia che odora di sigarette e polvere da sparo, non si raggiunge la complessita del maestro Kitano  ma il il film è comunque un ottimo mix di elementi classici del genere Yakuza che, grazie alla trama lineare e al carisma dei personaggi, si presenta come un’esperienza adrenalinica e ricca di colpi di scena. Proprio la trama e l’atmosfera generale del film hanno convinto il pubblico proiettandoci per qualche momento in un mondo crudo, cinico e dove solo chi ha le zanne abbastanza affilate può sopravvivere.

 

Marco Manfroni

Seguici anche su Facebook, Twitter e Instagram