L’Associazione Culturale No Profit

TAKAMORI

  

regolarmente iscritta al Registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale di Bologna, alle Libere Forme Associative del Comune di Bologna si propone di diffondere in Italia il cinema giapponese attraverso attività di sottotitolazione interlinguistica, proiezioni, workshop e corsi di formazione. Dal 2014 Takamori è convenzionata con Unibo – Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne per la formazione di tirocinanti nell’ambito della didattica della lingua e della traduzione audiovisiva dal giapponese. Contemporaneamente, è impegnata nell’organizzazione delle rassegne Japanese Film Selection in collaborazione con CCB (Circuito Cinema Bologna). I film proposti non hanno passato la grande distribuzione cinematografica italiana, pur avendo riscosso l’attenzione dei critici e del pubblico in Giappone. Non essendo stati doppiati, vengono presentati in lingua originale con sottotitoli professionali in italiano. Al momento il data base di sottotitoli interlinguistici Takamori conta più di centotrenta lungometraggi tradotti in italiano.

 

 

CURIOSITÀ:

 

Il nome Takamori deriva da quello di Saigō Takamori (1828-1877), samurai del feudo di Satsuma (attuale Kagoshima) la cui cooperazione fu cruciale nell’abolizione del sistema feudale durato in Giappone quasi 700 anni dal periodo medievale fino a quello moderno e nella restaurazione del potere imperiale. Saigo Takamori gode di grande popolarità tra i giapponesi, sia perché incarna i valori originari dei samurai sia a causa della sua fiera opposizione contro l’occidentalizzazione forzata del paese. Alla carismatica figura di Saigō e alla sua ultima battaglia (quella di Shiroyama) è ispirato il film “L’ultimo samurai” interpretato da Watanabe Ken nel 2003.

 

Il Presidente, Okada Yutaro

Il Legale Rappresentante e Fondatore, Francesco Vitucci

 

Seguici anche su Facebook, Twitter e Instagram