A Taxi Driver || AFS Spring 2022

Ciao a tutt* e bentornat* sul nostro canale. Oggi vi presentiamo l’ultimo film della rassegna AFS Spring 2022 in collaborazione con Asia Institute, A Taxi Driver di Jang Hoon.

Seoul, maggio 1980. Kim Man-seob è un tassista indebitato con una figlia a carico e, alla ricerca di soldi per pagare l’affitto decide di ‘rubare’ a un collega un cliente speciale, il giornalista tedesco Jürgen Hinzpeter. Quest’ultimo è disposto a pagare 100.000 won pur di essere portato a Gwang-ju, città blindata teatro della violenta repressione militare che segnò la storia della Corea del Sud.

Arrivati a Gwang-ju grazie a curiosi escamotage, i due si trovano davanti uno scenario agghiacciante: fonti giornalistiche oscurate, violenza militare e decine di vittime.
La pellicola affronta il delicato tema della rivolta messa in atto dagli dell’Università Nazionale Chonnam di Gwang-ju che si trasformò in un bagno di sangue segnando la storia recente della penisola coreana. A partire dal marzo 1980 le manifestazioni contro la legge marziale imposta dalla dittatura iniziarono ad aumentare e, dopo una prima repressione militare, le proteste aumentarono in particolare a Gwangju dove i civili, soprattutto studenti e professori, vennero violentemente messi a tacere.

Il film è stato presentato nel 2017 alla 35esima edizione del Torino Film Festival e fra i numerosi premi ricordiamo quelli per miglior film all’Asian World Film Festival e ai Blue Dragon Awards e quelli per miglior attore al Fantasia Film Festival e ai Seoul Awards.

Vi aspettiamo quindi il 12 aprile alle 21 al Cinema Rialto con A Taxi Driver. Potete acquistare i biglietti cliccando qui. Il trailer invece è disponibile qui.

Per rimanere aggiornati sulla vendita dei biglietti e sugli altri film della nuova rassegna, seguiteci sui nostri canali.

Bushi no kondate – Tale of Samurai Cooking || AFS Spring 2022

Ciao a tutt* e bentornat* sul nostro canale. Oggi vi presentiamo la quarta pellicola della rassegna AFS Spring 2022 in collaborazione con Asia Institute, Bushi no kondate di Asahara Yūzō.

I Funaki, un tempo una famiglia samuraica, si trovano relegati in cucina. A soffrirne più di tutti è Yasunobu, giovane erede dei Funaki, che ama tutto ciò che riguarda l’essere un samurai ma è costretto a rinunciarvi dopo l’improvvisa morte del fratello maggiore. Volendo partecipare a lotte e rivolte, non sopporta di dover stare ai fornelli ma è qui che interviene Haru, cameriera della moglie del damyō. Il padre di Yasunobu, infatti, nota la sua abilità culinaria e si convince che potrebbe aiutare il figlio. Così incentiva un matrimonio fra i due.

In questa pellicola è molto interessante il ruolo che assume il cibo: durante l’addestramento culinario di Yasunobu, ci vengono svelati alcuni dei segreti dei piatti e alcune delle attenzioni da riservare loro durante la preparazione. Durante una sfida fra Yasunobu e Haru capiamo che la bontà del pesce crudo, ad esempio, dipende dal taglio del cuoco. Un cattivo taglio lo porterebbe ad assorbire troppa salsa di soia, mentre un buon taglio ne conserverebbe tutte le qualità per poterlo gustare al meglio. Vi lasciamo immaginare di chi sarà il taglio migliore.

Bushi no kondate è stato presentato ai Film Festival di San Sebastian, delle Hawaii, di Tokyo e di Berlino. Ha ricevuto due nomination nel 2014 per migliore attrice e per migliore attrice non protagonista alla 37esima edizione del Japan Academy Film Prize. Inoltre, alcune delle ricette sono state prese davvero dalla tradizione della famiglia Funaki. Questo piccolo scorcio che ci offre  sulla cucina giapponese è sicuramente un motivo in più per guardarlo.

Vi aspettiamo quindi il 15 marzo alle 21 al Cinema Rialto con Bushi no kondate. Potete guardare il trailer cliccando qui, i biglietti invece sono acquistabili qui. A presto!

I’m a cyborg but that’s ok || AFS Spring 2022

Ciao a tutti e bentornati sul nostro canale. Oggi vi presentiamo la terza pellicola della nostra rassegna in collaborazione con Asia Institute, I’m a cyborg but that’s ok, un film coreano del 2006 diretto da Pak Chan-wook.

Cha Young-goon passa la sua infanzia con la nonna materna affetta da una malattia mentale che le fa credere di essere una mamma topo. Quando quest’ultima viene fatta internare in un ospedale psichiatrico dai figli, verrà privata della sua dentiera per evitare che continui a mangiare i suoi adorati rafani che mettono a rischio la sua salute. Young-goon, traumatizzata dal brusco distacco, si convince di essere un cyborg in grado di parlare, grazie alla dentiera della nonna, con gli apparecchi elettronici rimasti i suoi unici amici.

Un giorno, nel tentativo di ricaricare le proprie batterie, inserisce cavi elettrici nel suo polso. Verrà ricoverata in un ospedale dove, dopo un’iniziale solitudine, riuscirà a stringere un legame con Pak Il-sun, un paziente schizofrenico e asociale, convinto di poter rubare l’essenza altrui. È a lui che Young-goon chiederà aiuto per portare a termine la sua missione: uccidere tutti i ‘camici bianchi’ e riportare la dentiera alla nonna.

Fra i numerosi premi ricordiamo quelli al regista Pak Chan-wook al Festival internazionale del Cinema di Berlino e al Festival du Nouveau Cinéma di Montrèal e anche il premio per miglior sceneggiatura al Festival Internazionale del Cinema Fantastico della Catalogna.

Il film è un delicato e attento racconto delle malattie mentali e dalla solitudine del diverso che esse stesse causano. Ma non è su questo che è incentrata la pellicola: il regista abbandona l’approccio razionalista per dare vita a una commedia surreale nella quale i giochi e i sogni dei personaggi, spinti da un’iniziale anarchia, trovano il modo di unirsi e completarsi per dare vita a uno stadio di pace simile alla guarigione.

Vi aspettiamo il 22 febbraio alle 21 al Cinema Rialto con I’m a cyborg but that’s ok. Biglietti in vendita qui, trailer disponibile qui

Per rimanere aggiornati sulla vendita dei biglietti e sugli altri film della nuova rassegna, seguiteci sui nostri canali. 

Unforgiven || AFS Spring 2022

Ciao a tutti e bentornati sul nostro canale. Oggi vi presentiamo il secondo film della nostra rassegna in collaborazione con Asia Institute, Unforgiven, di Lee Sang-il.

Poco dopo l’inizio del periodo Meiji, un ex samurai, Kamata Jūbei, dopo aver combattuto contro il governo imperiale, uccide i suoi inseguitori e si rifugia a nord, nell’isola dell’Hokkaidō. 11 anni dopo, in un villaggio di frontiera, una coppia di fratelli, dopo essere stati derisi da una prostituta, decidono di sfregiarla ma ricevono dallo sceriffo una punizione minima che fa indignare le donne.

La tranquilla vita che Jūbei conduce coi suoi due figli viene sconvolta dalla visita di Kingo, un suo ex compagno d’armi. Assoldato dalle prostitute del bordello desiderose di giustizia, chiede al vecchio amico di aiutarlo nel suo compito. Nonostante l’incertezza, Jūbei accetta e lascia i due figli in custodia alla vicina comunità di Ainu. I due sicari saranno presto affiancati da uno strambo giovane che li accompagnerà fino al villaggio 

La pellicola è un remake de Gli spietati, del 1992, diretto e interpretato da Clint Eastwood la cui trama è però adattata alla realtà del Giappone di tardo 19esimo secolo.

Il film è stato proiettato in anteprima mondiale, fuori concorso, durante la 70esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

Diversamente dagli altri film a tema samuraico, Unforgiven non parla solo della rovina della figura del samurai, ma tratta anche degli abusi perpetrati dal governo giapponese contro gli Ainu, il gruppo etnico nativo dell’isola più a nord dell’arcipelago. Questi furono brutalmente costretti a sottomettersi al governo centrale e ad abbandonare le loro tradizioni e i loro costumi a favore della cultura dominante del Paese.

Guardate il nostro trailer qui!

Vi aspettiamo quindi l’8 febbraio alle 21 al Cinema Rialto con Unforgiven. I biglietti sono acquistabili cliccando qui.

Per rimanere aggiornati sulla vendita dei biglietti e sugli altri film della nuova rassegna, seguiteci sui nostri canali. Trovate i link nella descrizione!

 

Asian Film Selection || Spring 2022

Noi del team Takamori siamo lieti di annunciarvi che a fine gennaio torneremo al cinema Rialto con una nuova rassegna in collaborazione con Asia Institute: Asian Film Selection Spring 2022. Vi proporremo 4 film giapponesi e 2 film coreani sottotitolati da noi:

SNOW ON THE BLADES (2014) – 25/01

Giappone, XIX secolo. Il fedele samurai Kingo Shimura non riesce a proteggere il Tairō Ii Kamonnokami Naosuke, che rimane ucciso in un attentato ordito da 18 rōnin. Kingo vorrebbe togliersi la vita per raggiungere il suo padrone, ma non gli è concesso: prima dovrà andare alla ricerca dei cinque assassini rimasti a piede libero e ucciderli. Nel frattempo, però, Kingo dovrà avere a che fare con la progressiva decadenza della figura del samurai, in un Giappone che si appresta a modernizzarsi e a lasciare indietro le antiche tradizioni.

 

UNFORGIVEN (2013) – 8/02

Hokkaidō, primi anni del periodo Meiji. Qui vive l’ex samurai Kamata Jūbei che dopo aver combattuto contro le forze imperiali decide di ritirarsi sull’isola più a nord del Giappone per vivere una vita tranquilla con i suoi due figli. La sua tranquillità verrà stravolta quando il suo amico ed ex compagno di battaglia, Kingo Baba gli proporrà di andare a caccia di due criminali sulle cui teste pendono delle taglie.

 

I’M A CYBORG BUT THAT’S OK (2009) – 22/02

Young-goon, convinta di essere un cyborg, viene ricoverata in una clinica psichiatrica. Qui incontra Il-soon, un giovane convinto di essere in grado di rubare la personalità e le anime altrui. L’ospedale nel quale sono ricoverati, farà da sfondo a un tenero sentimento, più forte della malattia, che cambierà le vite di entrambi.

 

A TALE OF SAMURAI COOKING (2013) – 15/03

Feudo di Kaga, periodo Edo. Haru è una serva al servizio di una delle concubine del signore locale ed è conosciuta per essere un’ottima cuoca. Per questo, il capofamiglia dei Funaki, Dennai, supplica la giovane ragazza di sposare il suo secondogenito Yasunobu per impartirgli lezioni di cucina. Yasunobu preferisce di gran lunga la lama di una spada piuttosto che un coltello da cucina, ma Haru, grazie all’appoggio della sua nuova madre acquisita Mitsu, gli mostrerà tutti i segreti della cucina giapponese.

 

MASQUERADE HOTEL (2019) – 29/03

La polizia indaga su un caso di omicidi seriali e scopre che il prossimo delitto avverrà nel lussuoso Hotel Cortesia Tokyo. Per cercare di fermare l’assassino, gli agenti dovranno lavorare fianco a fianco con lo staff dell’hotel in una difficile operazione sotto copertura. Il viceispettore Nitta e la receptionist Yamagishi dovranno collaborare per capire dietro quale volto, fra i mille che si vedono in un hotel, si cela in realtà un pericoloso criminale.

 

A TAXI DRIVER (2013) – 12/04

Seoul, maggio 1980. Un tassista indebitato e con una figlia da mantenere decide di accompagnare un cliente speciale: un giornalista tedesco disposto a spendere 100.000 won pur di essere portato a Gwang-ju, teatro della violenta repressione militare che segnò la storia della Corea. Tratto da una storia vera, il film racconta il viaggio di Jürgen Hinzpeter, unico giornalista che ruppe il silenzio attorno al massacro di Gwang-ju, grazie al suo tassista.

 

Vi aspettiamo quindi, al cinema Rialto con questa nuova programmazione. In descrizione trovate i nostri profili social da tenere d’occhio per rimanere aggiornati sulle modalità di prenotazione dei biglietti e le date delle proiezioni per non perderne nemmeno una. Potete guardare il nostro video qui. Ci vediamo al cinema!