Presentazione di “Fragranze di morte” con Francesco Vitucci e Gino Scatasta

Il 2 febbraio alle ore 18.00 si terrà la presentazione del libro “Fragranze di morte” scritto da Yokomizo Seishi.

A presentare saranno il professore Gino Scatasta e il traduttore del libro Francesco Vitucci.

L’evento si terrà nella sala conferenze della biblioteca Salaborsa di Bologna (piazza del Nettuno, BO).

Per maggiori informazioni potete leggere l’intervista a Francesco Vitucci cliccando qui.

Evento: https://www.facebook.com/events/1572030443177574?ref=newsfeed

Snow on the Blades || AFS Spring 2022

Ciao a tutti e bentornati sul nostro canale. Oggi vi presentiamo il primo film della rassegna AFS Spring 2022 in collaborazione con Asia Institute, Snow on the Blades una pellicola jidaigeki del 2014 diretta da Wakamatsu Setsurō.

Ci troviamo nel 1860, al tramonto del periodo Edo. Il maestro d’armi Shimura Kingo viene assunto come attendente per Ii Naoaki, primo ministro dello shogun, ma fallisce nel suo compito durante un attentato per mano di 18 rōnin, samurai rimasti senza padrone. Proibitogli il seppuku, gli viene chiesto, invece, di trovare e decapitare i cinque assassini rimasti a piede libero; solo dopo aver portato a termine questo compito gli sarà concessa una morte onorevole.

Durante i 13 anni di ricerca gli assassini, però, muoiono uno a uno prima che Kingo riesca a raggiungerli, alimentando la frustrazione sua e del suo signore. A peggiorare la sua situazione concorre anche il processo di modernizzazione che il Giappone decide di attuare alla fine del 19esimo secolo per rimanere al passo con le potenze europee, meccanismo che accantona la tradizione e tutte le figure che la popolavano come gli stessi samurai.

A dare inizio alla vicenda è un avvenimento realmente accaduto, l’Incidente di Sakuradamon nel quale venne assassinato il primo ministro Naoaki per gli atteggiamenti tirannici volti a favorire l’apertura del Giappone all’esterno ma che lo resero sgradito alla popolazione.

Il film, inoltre, ha come tema principale la figura del samurai e la progressiva decadenza alla quale essa va incontro durante la Restaurazione Meiji, un periodo di rapidi cambiamenti che chiese alla popolazione di abbandonare tutto ciò che un tempo era importante, provocando in essa disordine smarrimento.

Vi aspettiamo quindi il 25 gennaio alle 21 al Cinema Rialto con Snow on the Blades. Potete guardare il trailer qui, i biglietti invece sono acquistabili cliccando qui

L’uccello che girava le viti del mondo – Murakami Haruki

Autore: Murakami Haruki

Titolo originale: ねじまき鳥クロニクル

Editore: Giulio Einaudi Editore

Traduzione: Antonietta Pastore

Edizione: 2013

Pagine: 832

In un sobborgo di Tōkyō il giovane Okada Tōru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto, a cui la moglie era molto affezionata, e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Inizia allora la ricerca del gatto nel quartiere residenziale, dove è presente una casa disabitata nel cui giardino si alza una statua di pietra raffigurante un uccello.

Tōru si accorgerà presto che oltre al gatto, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. Tutti questi personaggi segnano il percorso di Tōru e lo accompagnano durante la ricerca del gatto e della moglie Kumiko.

A poco a poco Tōru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l’esistenza. Una realtà a meta tra sogno e introspezione, come se la vita fosse uno specchio multidimensionale. Il romanzo è una storia tra le storie, difficile individuare cosa è reale e cosa è onirico, anche perché ritengo che i fatti realmente vissuti dal protagonista non siano poi così normali e consueti. I personaggi sembrano usciti dalla fantasia di un cantastorie, l’ambientazione e i luoghi sono a tratti vividi e a tratti evanescenti. Il protagonista vive tra: l’angoscia, della perdita e la ricerca, e l’interesse nel conoscere i vari personaggi, reali o immaginati che siano. Una ragazzina con la quale affronta discorsi surreali, storie nella storia appartenenti quasi ad una “realtà” introspettiva piuttosto che realmente accaduta. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d’ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

 

—Recensione di Marta Bonfiglio.

 

Asian Film Selection || Spring 2022

Noi del team Takamori siamo lieti di annunciarvi che a fine gennaio torneremo al cinema Rialto con una nuova rassegna in collaborazione con Asia Institute: Asian Film Selection Spring 2022. Vi proporremo 4 film giapponesi e 2 film coreani sottotitolati da noi:

SNOW ON THE BLADES (2014) – 25/01

Giappone, XIX secolo. Il fedele samurai Kingo Shimura non riesce a proteggere il Tairō Ii Kamonnokami Naosuke, che rimane ucciso in un attentato ordito da 18 rōnin. Kingo vorrebbe togliersi la vita per raggiungere il suo padrone, ma non gli è concesso: prima dovrà andare alla ricerca dei cinque assassini rimasti a piede libero e ucciderli. Nel frattempo, però, Kingo dovrà avere a che fare con la progressiva decadenza della figura del samurai, in un Giappone che si appresta a modernizzarsi e a lasciare indietro le antiche tradizioni.

 

UNFORGIVEN (2013) – 8/02

Hokkaidō, primi anni del periodo Meiji. Qui vive l’ex samurai Kamata Jūbei che dopo aver combattuto contro le forze imperiali decide di ritirarsi sull’isola più a nord del Giappone per vivere una vita tranquilla con i suoi due figli. La sua tranquillità verrà stravolta quando il suo amico ed ex compagno di battaglia, Kingo Baba gli proporrà di andare a caccia di due criminali sulle cui teste pendono delle taglie.

 

I’M A CYBORG BUT THAT’S OK (2009) – 22/02

Young-goon, convinta di essere un cyborg, viene ricoverata in una clinica psichiatrica. Qui incontra Il-soon, un giovane convinto di essere in grado di rubare la personalità e le anime altrui. L’ospedale nel quale sono ricoverati, farà da sfondo a un tenero sentimento, più forte della malattia, che cambierà le vite di entrambi.

 

A TALE OF SAMURAI COOKING (2013) – 15/03

Feudo di Kaga, periodo Edo. Haru è una serva al servizio di una delle concubine del signore locale ed è conosciuta per essere un’ottima cuoca. Per questo, il capofamiglia dei Funaki, Dennai, supplica la giovane ragazza di sposare il suo secondogenito Yasunobu per impartirgli lezioni di cucina. Yasunobu preferisce di gran lunga la lama di una spada piuttosto che un coltello da cucina, ma Haru, grazie all’appoggio della sua nuova madre acquisita Mitsu, gli mostrerà tutti i segreti della cucina giapponese.

 

MASQUERADE HOTEL (2019) – 29/03

La polizia indaga su un caso di omicidi seriali e scopre che il prossimo delitto avverrà nel lussuoso Hotel Cortesia Tokyo. Per cercare di fermare l’assassino, gli agenti dovranno lavorare fianco a fianco con lo staff dell’hotel in una difficile operazione sotto copertura. Il viceispettore Nitta e la receptionist Yamagishi dovranno collaborare per capire dietro quale volto, fra i mille che si vedono in un hotel, si cela in realtà un pericoloso criminale.

 

A TAXI DRIVER (2013) – 12/04

Seoul, maggio 1980. Un tassista indebitato e con una figlia da mantenere decide di accompagnare un cliente speciale: un giornalista tedesco disposto a spendere 100.000 won pur di essere portato a Gwang-ju, teatro della violenta repressione militare che segnò la storia della Corea. Tratto da una storia vera, il film racconta il viaggio di Jürgen Hinzpeter, unico giornalista che ruppe il silenzio attorno al massacro di Gwang-ju, grazie al suo tassista.

 

Vi aspettiamo quindi, al cinema Rialto con questa nuova programmazione. In descrizione trovate i nostri profili social da tenere d’occhio per rimanere aggiornati sulle modalità di prenotazione dei biglietti e le date delle proiezioni per non perderne nemmeno una. Potete guardare il nostro video qui. Ci vediamo al cinema!

Before we vanish (2017)

Titolo originale: 散歩する侵略者

Regista: Kurosawa Kiyoshi

Uscita al cinema: 16 Settembre 2017

Durata: 129 Minuti

Singolare approccio all’invasione aliena, Before We Vanish (Sanpo Suru Shinryakusha) di Kurosawa Kiyoshi è un’ulteriore conferma del punto di vista unico e decisamente sopra le righe del regista, con tutti i suoi pro e i suoi contro. Il film, è infatti incentrato su una narrazione assai dilatata, ricolma di elementi strani, assurdi e grotteschi, con dettagli della trama piuttosto oscuri. In Before We Vanish la logica spesso è accantonata, ma sono seguiti i giorni appena antecedenti alla conquista definitiva della Terra, con annessa distruzione di massa da parte di una razza extraterrestre, e la verosimiglianza non è proprio la priorità.

Siamo in Giappone, tre esploratori da un altro pianeta approdano sulla Terra per studiare più da vicino la razza umana e, per far ciò, s’impossessano del corpo di altrettanti individui, due ragazzini e un uomo, di cui riproducono perfettamente le sembianze, ma che hanno ormai smarrito ogni loro ricordo, sentimento, o umanità. Per condurre quindi la loro “indagine preliminare” sul campo, i replicanti alieni necessitano ovviamente di una guida, essendo del tutto ignari dei costumi terrestri. Seguiamo anzitutto le peripezie di Kase Narumi che d’improvviso pare preso da un inspiegabile delirio e, inizia a vagare  per i campi, invadere le propietà dei vicini facendo domande assurde, o a dialogare con cani che in tutta risposta lo mordono. Intanto, disperata, la moglie cerca di capire le origini di tale apparente stato confusionale e di gestirlo, mentre si barcamena tra scadenze di lavoro e un capo particolarmente esigente.

Molti sono gli elementi lasciati volutamente in sospeso in Before We Vanish. L’aspetto forse migliore e sicuramente più geniale del film è infatti l’aver preso un motivo piuttosto ritrito dell’immaginario sci-fi, l’invasione extraterrestre, e l’averlo trattato in maniera del tutto differente: non è tutto assunto come verità data, ma i personaggi credono inizialmente che sia tutto frutto un delirio di pochi visionari, ossia gli alieni stessi, con ovvio effetto comico. Non siamo quindi davanti al solito racconto di attacchi d’astronavi dallo spazio e della coraggiosa reazione della razza umana, finalmente raccoltasi in un unico esercito per combattere l’invasore da lontani universi.

L’epicentro narrativo fantascientifo è difatti solo uno spunto per una riflessione filosofica, su alcuni dei principali assunti antropologici dal punto di vista di qualcuno che è del tutto estraneo alla vita sul globo terracqueo e quindi non dà assolutamente per assodato quello che invece noi riteniamo ovvio. Che cos’è la famiglia e qual è la natura dei legami tra consanguinei? Cosa significa lavoro e perché siamo disposti a sacrificare sull’altare della carriera tanta parte della nostra felicità? Infine, soprattutto, cos’è l’Amore? Sono posti tali quesiti con l’innocenza di un bambino, e molti sono coloro che vengono interrogati. Il risultato, però, non è nulla di pedante o banale, ma il susseguirsi di situazioni quasi farsesche, pervase del black humor che contraddistingue Kurosawa Kiyoshi.

 

—Recensione di Massimo Magnoni.