Rassegna Primaverile JFS 2024 – Cinema Rialto || Takamori

Ciao a tutti e bentornati su Takamori!
Siamo lieti di presentare la nostra rassegna primaverile JFS, che si terrà tra febbraio e aprile 2024, per un totale di quattro film.
Tutte le proiezioni cominceranno alle ore 21.00 al cinema Rialto.

Per cominciare il 20 febbraio troveremo “Your Eyes Tell“, un film drammatico diretto da Miki Takihiro.
Continueremo poi il 5 marzo con “xxxHOLIC“, un dark fantasy di Ninagawa Mika.
A seguire avremo, il 19 marzo, un film storico di Yamada Yoji, “The Hidden Blade“.
E per concludere la rassegna, il 9 aprile presenteremo “Masquerade Night“, un thriller detective diretto da Suzuki Masayuki.

Vi aspettiamo numerosi al cinema e come di consueto ci potete trovare prossimamente sui nostri canali social. 
Un saluto dall’associazione Takamori.

Presentazione “Diventare Ninagawa Mika” || Odeon Gallery

L’associazione vi invita giovedì 23 Novembre presso l’Odeon Gallery di Bologna (Via Mascarella 3) alla presentazione del libro “Diventare Ninagawa Mika“, in un incontro in cui avremo modo di approfondire la figura della fotografa e regista Giapponese.
Vi ricordiamo che il suo capolavoro “Helter Skelter” fa parte della nostra rassegna e verrà proiettato al cinema Rialto martedì 21 novembre.

A presenziare l’incontro ci saranno il traduttore Corrado Cucchi e il professore Francesco Vitucci, vi aspettiamo numerosi!

Rassegna Autunnale JFS 2023 || Takamori

Ciao a tutti e bentornati su Takamori! Oggi vi presenteremo la rassegna autunnale JFS, che si terrà tra ottobre e dicembre 2023, per un totale di quattro film. Le proiezioni si terranno alle 21 al Cinema Rialto. Il primo film che porteremo al cinema Rialto sarà My Broken Mariko, il 17 ottobre, film drammatico diretto da Tamada Yuki. Continueremo poi con il thriller The Crimes that Bind, diretto da Fukuzawa Katsuo, che sarà proiettato il 7 novembre Il 21 novembre ci sarà la terza pellicola, Helter Skelter, un film d’essai diretto da Ninagawa Mika. Per concludere la rassegna, finiremo il 5 dicembre con un film storico, Hana, diretto da Kore’eda Hirokazu. Se volete saperne di più sulla rassegna e sui film che presenteremo, continuate a seguirci sui canali sociali! A presto!

No longer human || Recensione

Regista: Ninagawa Mika

Anno: 2019

Durata: 2 ore

Genere: Drammatico, romantico

Attori principali: Oguri Shun, Nikaidō Fumi, Sawajiri Erika, Miyazawa Rie

No longer human di Ninagawa Mika è un film che, riprendendo il titolo di uno dei più celebri romanzi di Dazai Osamu, mostra la vita dello scrittore stesso e di come è arrivato a scrivere i suoi due romanzi di più grande successo: Shayō (Il sole si spegne) e Ningen shikkaku (Lo squalificato, traduzione italiana di No longer human).

La vita dissoluta, fatta di alcol, droghe e donne che lo distraggono dalla vita da padre di famiglia, porta ad una costante ricerca del malessere, l’unico che gli permette di scrivere i suoi capolavori. Sono le sue esperienze negative che gli permettono di essere l’autore che è.

Fin dai primi minuti si capisce che la sua vita è bloccata in un vortice da cui non riesce ad uscire, sempre lontano dalla famiglia. Nonostante la vita sfrenata fatta di debiti e tradimenti, la moglie Michiko è sempre pronta a riaccoglierlo a casa, pur sapendo delle sue relazioni parallele. Due in particolare sono presentate: quella con Ota Shizuko (interpretata da Sawajiri Erika) e quella con Yamazaki Tomie (interpretata da Nikaidō Fumi).

La prima relazione sarà quella che ispirerà Shayō, grazie al diario di Shizuko, la quale, in cambio del favore di far leggere il suo diario a Dazai, chiede dallo scrittore un figlio. Nonostante la riluttanza, lui acconsente. Dopo aver mantenuto la promessa di mettere incinta la ragazza, scrive il suo romanzo, ottenendo un enorme successo di pubblico. Non mancano le critiche da parte di Mishima Yukio e Kawabata Yasunari.

Nonostante il grande successo, Dazai non riesce a farsi pubblicare facilmente, in quanto si trova in un periodo caratterizzato dalla sfiducia negli intellettuali e dalla disillusione generale in seguito alla seconda guerra mondiale.

In una delle varie serate per locali, incontra Tomie, con la quale inizia una relazione che durerà fino al suicidio dei due, seguendo una promessa che si sono fatti: Dazai deve scrivere il suo ultimo capolavoro e poi possono lasciarsi morire per abbandonare quella vita di malessere e vivere insieme nella morte.

La moglie, per poter pagare i debiti del marito, lo forza a distruggere la famiglia che entrambi hanno creato per poter scrivere l’ultimo capolavoro, anche per potersi liberare dalla grande sofferenza che le comporta vedere il marito con altre donne.

Dopo la stesura di Ningen shikkaku, arriva il momento per i due amanti di suicidarsi, anche se Dazai non sembra convinto della conferma che dà all’amante alla sua rinnovata richiesta di morire insieme. Tuttavia, l’autore mantiene la promessa e i due si buttano nel bacino di Tamagawa.

Con la prima amante, viene presentato in modo esemplare il periodo di transizione in cui si trova il Giappone: Dazai Osamu indossa ancora gli abiti tradizionali, sempre di colore scuro, austeri, mentre Shizuko indossa abiti occidentali dai colori accesi. Ciò sta a rappresentare anche la visione che la ragazza ha della vita: nonostante l’abbandono che subisce da parte dell’autore che lei tanto ama, prosegue la sua vita felicemente con la figlia.

Al contrario, si possono notare dei toni più scuri negli abiti occidentali della seconda amante, infatti sarà con lei che Dazai si toglierà la vita.

Si possono notare alcune somiglianze tra la vita dell’autore rappresentata nel film e Shayō: la moglie Michiko potrebbe essere vista come l’ultima vera donna giapponese, dedita ai figli e alla casa e sempre in abiti tradizionali, anche se non aristocratica, come nel caso invece della madre della protagonista del romanzo; la scena che vede Dazai bere insieme agli altri clienti del locale ignorando la presenza di Shizuko, già incinta e alla quale viene chiesto se vuole mangiare dei noodles nell’attesa, che è molto simile a quella che vede la protagonista di Shayō, Kazuko, aspettare che il suo amato Uehara, anche lui sposato, si allontani dagli intellettuali con cui sta bevendo, sempre mangiando noodles.
Le idee di distruzione e nichilismo necessarie a Dazai per scrivere un capolavoro, che vengono portate avanti dall’inizio alla fine del film, vengono espresse visivamente in una delle ultime scene. Durante la stesura di Ningen shikkaku, la stanza che circonda l’autore di disassembla in uno spazio indefinito, fino a raggiungere la sua essenza, ovvero la struttura in legno che la compone.